Dichiarazione del prof. Renato Guarini

Nell’attuale fase di stanchezza e disincanto rispetto alla vita democratica, la figura di Altiero Spinelli rappresenta sempre più, per la cultura del nostro paese, un punto di riferimento di primaria grandezza, sia dal punto di vista etico che della lungimiranza della visione politica.

Privato della libertà per ben 16 anni, per avere tenuto fede ai valori dell’antifascismo e della democrazia, Spinelli deve essere additato alle giovani generazioni come una personalità umanamente e intellettualmente trascinante, sulla quale riflettere non solo per meglio conoscere i fondamenti forti della Repubblica e dell’idea europeista, ma anche per individuare le vie da percorrere nell’immediato futuro.

La costruzione della democrazia europea sovranazionale costituisce un impegno primario e insostituibile per la nostra società, che da tale obiettivo è stimolata, da una parte, a migliorare continuamente se stessa, emendando le proprie inadeguatezze, e, dall’altra, a trarre forza e motivazione per progettare una nuova civiltà, una forma più elevata di convivenza fra i popoli, impiegando creativamente le proprie risorse intellettuali, morali e materiali.

È proprio con questo spirito che la Sapienza Università di Roma, insieme a esponenti di molti atenei italiani, ma anche del Movimento federalista europeo, fondato da Spinelli, dell’Istituto Affari Internazionali, anch’esso creatura di Spinelli, del Movimento Europeo, dell’Associazione del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa, di numerosi altri enti e associazioni, nonché di autorevoli personalità dell’europeismo, ha promosso la costituzione del Comitato nazionale per le celebrazioni del centesimo anniversario della nascita di “Ulisse”.

Istituito nell’aprile del 2006 con decreto del Ministro per i Beni e le Attività culturali, il Comitato, che opera sotto l’Alto Patronato del Capo dello Stato ed ha come presidente onorario il vicepresidente del Consiglio, on. Francesco Rutelli, ha promosso un’intensa attività di sensibilizzazione e informazione dell’opinione pubblica, di formazione degli studenti delle scuole e delle università, di studio, di approfondimento e di ricerca, nonché di dialogo con le forze sociali e gli esponenti delle istituzioni pubbliche italiane ed europee, ottenendo il cordiale sostegno del presidente del Consiglio, on Romano Prodi, da cui è stato recentemente ricevuto.

Il convegno alla Camera del 28 settembre, promosso grazie alla gentile disponibilità del presidente Fausto Bertinotti e dell’on. Pietro Folena, presidente della Commissione Cultura, costituisce uno dei momenti più significanti del programma di attività del Comitato e un’occasione di confronto con coloro ai quali, in quanto rappresentanti del popolo italiano, è affidata la responsabilità di raccogliere il messaggio di Spinelli, trasformandolo in sostanza viva e operante, in principio guida dell’agire delle nostre istituzioni, all’interno del paese e nell’Unione europea.

 

Prof. Renato Guarini

Rettore Sapienza Università di Roma

Presidente del Comitato Nazionale Altiero Spinelli