Il Presidente del Consiglio, On. Romano Prodi, riceve una delegazione del Comitato Spinelli - Roma, 30 agosto 2007

“Sono estremamente interessato al programma del Comitato, (…) ritengo sia molto importante far sapere al Paese quale sia stato il ruolo di Spinelli e quello che ha fatto”. Con queste parole il Presidente del Consiglio Romano Prodi ha accolto, la sera del 30 agosto, alla vigilia del centenario della nascita di Altiero Spinelli, una delegazione del Comitato Nazionale istituito per le celebrazioni del grande europeista. La delegazione, guidata dai proff. Antonello Biagini e Fulco Lanchester (rappresentanti del Presidente del Comitato, prof. Renato Guarini, Rettore dell’Università La Sapienza di Roma) e dal prof. Francesco Gui (segretario), gli ha donato, oltre a una serie di pubblicazioni europeiste, il francobollo che commemora e raffigura, Spinelli sullo sfondo del Parlamento Europeo.
Mi fa veramente piacere questo incontro”, ha commentato Prodi, ex presidente della Commissione europea, di cui, negli anni Settanta, Spinelli fece parte come commissario; sottolineando come sia importante “rompere il concetto ’leghista’ di Europa, in modo che questa non venga più considerata come una costrizione economico – burocratica”.
E ai portavoce del Comitato, che l’hanno ringraziato per aver rilanciato e rimesso al centro della propria attività l’Europa e le tematiche europee, Prodi ha risposto, divertito, in bolognese: “Ac’vol poc!” (ci vuol poco!”).
Il Presidente ha, infine, accolto l’invito del Comitato ad intervenire ad un incontro, con la partecipazione di giovani e studenti universitari, a conclusione dei lavori della Conferenza Intergovernativa per la Riforma dei Trattati dell’Unione Europea.

 

                                                                                         Benedetta Pasero
Uff. Stampa Comitato Nazionale Altiero Spinelli
Tel. 3286676821